Collezioni

Il Sondaggio
Mi ispira molto
 
News di Kayenna.net
Banner-adsense-leader
Banner

Collezioni

VINTAGE 55 & PORSELLI: ballerine Special collection FW 12-13

altVINTAGE 55, per il prossimo Autunno/Inverno 2012, sceglie lo storico creatore di scarpine da ballo PORSELLI per una collezione unica di speciali ballerine.
Le scarpine più amate al mondo,calzate dalle maggiori etoile ed oggi fidate compagne per tutte le occasioni,  sposano il casual luxury di VINTAGE 55, personalizzate secondo il suo sofisticato gusto boho-rock.
La delicata pelle ora diventa laminata, negli accesi toni del bronzo, argento e canna di fucile. Non poteva mancare anche un tocco più audace, con il modello stampa animalier.
Il risultato di questo incontro è una collezione must have che mixa il gusto alla praticità, e fa vibrare a colpi di rock la più iconica delle ballerine.

 

.normaluisa PE 2013

altUn flair di leggerezza solare ed estiva, colory candy, smaltati e brillanti, delicati
pastello, cromie vivide e preziose come sontuose e carnali corolle di fiori tropicali.
Lollypop e fresche citazioni warholiane. La California del surf che si miscela con
naturalezza spiazzante a ricercate eleganze d’antan ’20 e ’30, a fragranze fitzgeraldiane sur la Côte. La Collezione Coquillages et crustacés di .normaluisa, pensata per la primavera/estate 2013, non a caso è ispirata al celebre song cantato nei primi ’60, sullo sfondo delle spiagge di Saint Tropez e della sua celebre villa La Madrague, da una
giovane e indimenticabile Brigitte Bardot, allora all’apice del suo fascino e della sua
sovversiva e sensuale allure di donna e di diva . Le icone di riferimento, sul tema
portante e al contempo sotteso di un beach sportswear ispirato dall’abbigliamento tecnico e insieme casuale dei temerari surfisti US, sono molteplici. Si va dalle fragili e
sventate eroine letterarie jazz age del Grande Gatsby e alle viziatissime ereditiere
americane abroad che popolano le inquiete e appassionanti pagine del romanzo Di qua dal paradiso, a una opulenta e araldica Barbara Hutton- maharani in lamé operato a Tangeri, late ’50. Un tessuto di quotation e suggestioni rivisitate e portate sovente al puro segno, che si spinge fino a sofisticazioni pop - chic tratte dall’empireo canoro statunitense tra il sesto e il settimo decennio del ‘900, come Dusty Springfield e Dionne Warwick, le somme interpreti della straordinaria evocativa poetica musicale di Burt Bacharach. Malibu and Miami versus Biarritz e Cap Ferrat. Strutture destrutturate, spiccatamente fluide ed insieme costruite ed elaborate La petite robe decide di abbandonare il classico nero per abbracciare finalmente il colore, scelto in una palette che, partendo dai rosa cenere e da vari toni di sabbia, si protende a comprendere verdi Veronese, erba e fluo, i rosa e i rossi fragola, framboise e corallo, gli azzurri e bleu outremer ed elettrici. L’arricchiscono drapées magistrali e leggiadri, tagli geometrici virtuosistici e dettagli couture estremamente ricercati, come il palpitante ed astratto
intaglio floreale “Peynet” dell’orlatura inferiore. Si bilancia e sovrappone il
concetto di una levità basica ed essenziale, intersecata da inserti costruiti e
sostenuti. I blazer giocano in metatesi, invertono il tipico senso, la posizione e la
misura dei revers e osano righe in camaïeu d’un blu oceanico e radioso su superfici di stuoia off white realizzata a mano, scabra, prettamente marinara e perfino ruvida, contraddetta dai finali di panama di seta écru. Oppure strizzano l’occhio alla camicia, arricchendosi di ruches e jabots sovrapposti e squisitamente femminili intorno allo scollo. Non manca il palazzo pajama, che si declina in broccati esclusivi a grandidisegni paisley su una tavolozza di rosa confetto e verde acqueo, copiose canoutilles in vetro en nuance a sottolineare il bordo delle maniche e la scollatura. I bottoni tendono a scomparire, applicati pazientemente a rovescio con un effetto surreale. Infine i bomber estivi, in seta matelassé, il trench dalla manica rinascimentale e a sbuffo, le stampe che ripetono ananas e fiori minuscoli ovvero macroscopici e deflagrati, i grafici fourreau in cotone piqué avorio, campiti da dinamiche linee bisettrici a contrasto ancora rubate alle tavole da surf.

 

Divissima Lancia Sul Mercato Il Suo Primo Push Up Per Il Mare… Da Non Credere!

altL'Azienda Divissima, leader assoluta nei Mini Bikini e Mini Intimo di produzione italiana, smentisce le aspettative delle più scettiche ed affezionate al reggiseno imbottito anche al mare, ed esce per la prima volta in assoluto con il suo primo reggiseno imbottito Push Up.
Lasciando increduli i di più Divissima parte con l’introduzione del reggiseno Push Up declinato nella Collezione Mare 2012.
L'obbiettivo dell'azienda Divissima è quello di venire in contro a tutte le esigenze delle donne dando loro, oltre ad un prodotto di qualità anche un prodotto di alta comodità.
I tessuti restano le lycre morbide e i tessuti iridescenti che si prestano perfettamente ad enfatizzare seno ed abbronzatura, per questo il nuovissimo Push Up è studiato per disegnare un decolleté sensuale, alzare il seno, dare la possibilità di indossarlo sotto abiti attillati senza avere quell'antiestetico nodo sulla schiena che da sempre ci cruccia.

 

CRUST E C STUDIO SBARCANO CON LE AFFISSIONI NEGLI AEROPORTI DI PISA, FIRENZE E FIUMICINO

altCinellistudio azienda storica italiana che incarna l'eccellenza nella lavorazione e produzione di capi spalla in puro piumino , si affida per la realizzazione della nuova campagna pubblicitaria autunno/inverno 2012-13 al fotografo fiorentino Leonardo Bigagli.
A partire da Luglio nelle aree arrivi e partenze dell' aeroporto di Fiumicino, Pisa e Firenze, i brand [C]Studio e Crust ci accoglieranno e ci faranno scoprire nuove mete ancor prima di partire.
Quattro gli scatti della campagna [C] Studio che raccontano con eleganza e raffinatezza il know-how di Cinellistudio. Dallo stile impeccabile e ricercato, ogni dettaglio diventa segno distintivo.
Le immagini ci raccontano atmosfere metropolitane e catturano momenti di vita quotidiana, gesti semplici di uomini e donne, ma l'allure unica e distintiva. Lo stile è ultra glam, accattivante e chic.
Anche per la campagna Crust, Cinellistudio mette l'accento sull'internazionalità del brand. Lo spirito cosmopolita di Crust si manifesta nella scelta della location con vista sulla città. Il colore unisce l’anima sportiva e tecnica con lo spirito metropolitano, unisce uomini e donne, diventa segno distintivo in una scelta di stile comune.
Un concept capace di raccontare l’identità di un brand da sempre sinonimo di modernità e di scelte coraggiose.

 

METRADAMO, IL RITORNO DEL MENSWEAR

altUna collezione che ruota attorno al capo iconico della maison, il pantalone. E lo declina in modelli e tessuti dall'allure chic e informale.
Il protagonista assoluto è sempre lui: il pantalone. Ma questa volta da uomo. Metradamo, etichetta che intreccia un profondo know how sartoriale ad un'attitudine per la ricerca stilistica all'insegna della contemporaneità, in vista della primavera estate 2013 torna alle origini e ripropone una collezione uomo. La linea, totalmente made in Italy, presenta pantaloni declinati in fit e tessuti diversi: il fil rouge è una sofisticazione understated che esalta la bellezza di un capo in quanto realizzato con passione e attenzione ai dettagli.

 
Altri articoli...
My Fashion
FREE PREES
Banner
FASHION TIME